Ancora Fausto

"Egli era di solida complessione, secco di corpo e magro di viso." E' l'inizio del Don Chisciotte, puo' essere l'inizio di una storia del Fausto Coppi da Castellania: se non fu un triste cavaliere fu, a suo modo, un triste eroe, il melanconico eroe popolare del ciclismo, lo sport piu' vicino al popolo fino agli anni sessanta.

Due ali di folla nel sole, nella pioggia, nella polvere, sui pendii, lungo le strade d'Italia, di Francia, d'Europa; il grido che lo precedeva "Fau-sto' Fau-sto'"; poi, in un fruscio di ruote leggere, il dio delle corse, la bocca aperta, gli occhi spiritati, il naso a fendere l'aria e il moto delle gambe lunghissime, luccicanti di embrocation, gambe da insetto favoloso. Il dio delle corse con la sua umile nascita e la oscura adolescenza.

Per alcuni anni la religione ciclistica di tutta Europa sarà monoteista. In quei grandi anni Fausto Coppi non ha piu' nazionalità: basta che la sua figura leggendaria appaia sulla pista del Vel d'Hiv o all'ingresso del Parc des Princes e passa nella folla francese come una corrente elettrica, essa dimentica i suoi Robic e i suoi Bobet; il suo nome appare sulle case d'Olanda e del Belgio; in Svizzera è di casa; è famoso anche nelle Americhe e in Australia.

Una popolarità immensa e, si direbbe, una popolarità non cercata. Coppi evita l'abbraccio della folla, non si confida, non si apre. Eppure la gente capisce che è un uomo sensibile, dolente, che appartiene alla razza dei semidei lugubri e melanconici alla Manolete, alla razza dei contadini che diventano toreri o ciclisti o pugili famosi ma senza mai riuscire a liberarsi da quel loro peccato originale, dai secoli di miseria e di umiliazione.

Sulla bicicletta Coppi è bellissimo, quasi aristocratico, né subdolo né prepotente, solo sicuro di sé, leggero come un gabbiano. Ma basta che metta piede a terra e torna come gli umili che lo applaudono lungo le strade, le spalle da rachitico, il viso scavato da operaio tubercolotico, le braccia lunghe, segnate dalle vene, il petto sporgente come lo sterno di un uccello. E' un anima fragile, vulnerabile.

Giorgio Bocca

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: