Archivio della categoria: Ciclocross

Mick Ives

Se vi sentite pigri e siete in cerca di un’ispirazione a pedali Mick Ives è un ex-professionista inglese che ha 76 anni, pedala quasi tutti i giorni, e gareggia ininterrottamente dal 1956, su strada, in pista e nel ciclocross. Annunci

Mick Ives

Se vi sentite pigri e siete in cerca di un’ispirazione a pedali Mick Ives è un ex-professionista inglese che ha 76 anni, pedala quasi tutti i giorni, e gareggia ininterrottamente dal 1956, su strada, in pista e nel ciclocross.

Rockville

A film by Kristian Walter Ansand & Martin Gilluck produced by e r t z u i ª film presented by BICICLISTA

Rockville

A film by Kristian Walter Ansand & Martin Gilluck produced by e r t z u i ª film presented by BICICLISTA

Vos

Se cercate un video di Marianne Vos che taglia il traguardo a braccia alzate, o una sua foto sul podio, non avrete che l’imbarazzo della scelta, data la mole impressionante di vittorie collezionate dalla campionessa olandese su strada, in pista

Vos

Se cercate un video di Marianne Vos che taglia il traguardo a braccia alzate, o una sua foto sul podio, non avrete che l’imbarazzo della scelta, data la mole impressionante di vittorie collezionate dalla campionessa olandese su strada, in pista

The Sven Line

In curva, in salita, in mezzo al fango, c’è chi preferisce tenere la linea interna e chi invece quella esterna. E poi c’è la linea di Sven, ma per pedalare su quella serve inevitabilmente una dose adeguata di “svenness”. La

The Sven Line

In curva, in salita, in mezzo al fango, c’è chi preferisce tenere la linea interna e chi invece quella esterna. E poi c’è la linea di Sven, ma per pedalare su quella serve inevitabilmente una dose adeguata di “svenness”. La

Roger

Le corse finiscono sulla riga bianca Roger De Vlaeminck Una figura armoniosamente seduta in bicicletta. Il dorso orizzontale, parallelo all’asfalto, le braccia a squadra, con le mani sulle leve dei freni, il busto fasciato da una maglia blu con la

Roger

Le corse finiscono sulla riga bianca Roger De Vlaeminck Una figura armoniosamente seduta in bicicletta. Il dorso orizzontale, parallelo all’asfalto, le braccia a squadra, con le mani sulle leve dei freni, il busto fasciato da una maglia blu con la

Eliza Southwood

Ciclocross by Eliza Southwood via bicyclegraphicdesign.  

Eliza Southwood

Ciclocross by Eliza Southwood via bicyclegraphicdesign.  

Yuji Yamada

Niels Albert, acrilico su tela di Yuji Yamada, 2012. Omaggio al freschissimo Campione del Mondo di Ciclocross 2012.

Yuji Yamada

Niels Albert, acrilico su tela di Yuji Yamada, 2012. Omaggio al freschissimo Campione del Mondo di Ciclocross 2012.

Campionati Italiani Ciclocross all’Idroscalo

Dopo che la pioggia ha innaffiato abbondantemente le gare della giornata di sabato, domenica invece non piove sul circuito disegnato da Vito Di Tano sulle sponde dell'idroscalo per i Campionati Italiani di Ciclocross 2010 organizzati dal GS Guerciotti. E intorno

Campionati Italiani Ciclocross all’Idroscalo

Dopo che la pioggia ha innaffiato abbondantemente le gare della giornata di sabato, domenica invece non piove sul circuito disegnato da Vito Di Tano sulle sponde dell'idroscalo per i Campionati Italiani di Ciclocross 2010 organizzati dal GS Guerciotti. E intorno

Fango, marubini e cotechino

Il gonfiabile all'arrivo non c'è, ma se ci fosse non potrebbe avere che la forma di un enorme cotechino cremonese. Il fango invece quello c'è, abbondante come ad ogni festa del ciclocross che si rispetti, perché diciamocelo, in fin dei

Fango, marubini e cotechino

Il gonfiabile all'arrivo non c'è, ma se ci fosse non potrebbe avere che la forma di un enorme cotechino cremonese. Il fango invece quello c'è, abbondante come ad ogni festa del ciclocross che si rispetti, perché diciamocelo, in fin dei

La montagna inventata

«La prima ascensione alla montagna di Milano l'ho fatta in sogno… Se il Montestella è nato, ha cominciato a crescere, si è conformato, si è coperto di alberi e di erba, di viottoli e di strade, insomma è diventato qualcosa

La montagna inventata

«La prima ascensione alla montagna di Milano l'ho fatta in sogno… Se il Montestella è nato, ha cominciato a crescere, si è conformato, si è coperto di alberi e di erba, di viottoli e di strade, insomma è diventato qualcosa